Vicino a me

«Intimior intimo meo» (Sant’Agostino)

Vicino a me
più vicino della vena giugulare
più vicino a me di me stessa

Qualcosa di me giace in Te
come una pietra su una montagna
giace ignara di sé.

Il Tuo sguardo costante
mi solleva dal profondo
come un fuoco quieto solleva un umore.

E quando io sarò quella pietra
e sarò pure un corpo che si sfalda al buio
Tu continuerai a guardarmi.

2-1-’87

Stones on rock, Devon, 2007

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...