Ogni tanto alzo il naso per aria

Ogni tanto alzo il naso per aria
e grido insolente al cielo:
Chi ama chi?
E ogni volta trasalisco alla risposta.

25-4-’89
per Aurelio

Whipped Cream Clouds on True Blue Sky

E’ momentaneamente irreperibile

E’ momentaneamente irreperibile
il frizzo della realtà sapida e colorata,
suppongo di aver sepolto tutto quanto io stessa
sotto chili e chili di cenere
Non tarderà a riemergere per grazia di Dio
ma per intanto c’è l’attesa nel grigio –
– e pensare che è quasi mezzogiorno!
Che bello il tempo. Come lo sento, in mancanza d’altro,
sgranarsi ritmico, scorrevole, sicuro,
ultima gentilezza della Mano amorosa
quando al resto siamo ciechi e intontiti.
Così sarà più facile sopportare
la tremante malinconia, popolata di rimorsi e di timori,
perché posso assopirmi in questo rapido presente.

25-4-’89

Foggy

T’invito a trattenere te stesso

T’invito a trattenere te stesso
nella giovinezza
Ti richiedo di mantenerti nello stato del cuore
dove tutto ha a che fare con te
e tu sei implicato nel tutto,
sapendo vivamente
che non ci sono separazioni
e senza di te il mondo cadrebbe verticalmente.

Se ti dicessero che così non è
se ti dicessero che l’amore stanca
ridine forte

10-1-’88
per Andrea Sciffo

 

 

Eye See You!

Cinque uomini giovani

Cinque uomini giovani, il capo rasato,
stracci essenziali annodati ai fianchi,
lavorano da ore, in piedi sul tetto di una casa,
abbracciano guardando una città in fiamme,
una città povera, che fu di capanne di giunchi.
E uno getta acqua da una bacinella,
un altro sta portando il suo secchio,
gli altri aspettano la loro razione,
per sollevare un altro sbuffo di fumo
da quell’intrico rovente sotto di loro.

E’ sempre così da che mondo è mondo:
si va avanti un sorso d’acqua alla volta.

 

 

9-4-’89
su una foto di Robert Capa (Hankou estate 1939)

 

Di tutto ciò che ho creduto bello

Di tutto ciò che ho creduto bello
di tutto ciò che ho creduto vero
di tutte le estasi le vertigini
dei sogni che scuotevano i monti
e smembravano il cuore
Di tutte le volte che ho visto
il mondo trascolorare trasalire
incendiarsi fra le mie mani
Di tutto l’amore che ho versato a fiotti
Ti prego abbi pietà

2-1-’88
Gloria tibi Domine

Fire Walk with Me