Un (altro) Nobel sbagliato

”Ritengo che la scelta di Robert Edward sia completamente fuori luogo” e i ”motivi di perplessità non sono pochi”. Lo afferma all’ANSA il presidente della Pontificia Accademia per la Vita, mons. Ignacio Carrasco de Paula.

English: 8-cell human embryo, day 3

Embrione umano fatto di 8 cellule (Photo credit: Wikipedia)

”Innanzitutto – afferma mons. Carrasco spiegando la sua opposizione alla nomina del professore a cui pure riconosce alcuni meriti scientifici – senza Edwards non ci sarebbe il mercato degli ovociti con il relativo commercio di milioni di ovociti; secondo, senza Edwards non ci sarebbero in tutto il mondo un gran numero di congelatori pieni di embrioni che nel migliore dei casi sono in attesa di essere trasferiti negli uteri ma che più probabilmente finiranno per essere abbandonati o per morire e questo è un problema la cui responsabilita’ e’ del neo-premio Nobel”.

Infine, sottolinea il presidente della Accademia per la Vita, ”senza Edwards non ci sarebbe l’attuale stato confusionale della procreazione assistita con situazioni incomprensibili come figli nati da nonne o mamme in affitto”.

Con la fecondazione in vitro, ”in conclusione – aggiunge mons. Carrasco – direi che Edwards non ha in fondo risolto il problema dell’infertilità, che è un problema serio, né dal punto di vista patologico né epidemiologio. Insomma non é entrato nel problema, ha trovato una soluzione scavalcando il problema dell’infertilita”’. ”Bisogna aspettare – conclude – che la ricerca dia un’altra soluzione, anche più economica e quindi più accessibile della fecondazione in vitro, che tra l’altro presenta costi ingenti”. (Da IL VATICANO CONFERMA PERPLESSITA’ MORALI – Politica – ANSA.it.)

Tra i favoriti del 2010 c’era anche il giapponese Shinya Yamanaka, inventore di una tecnica per ottenere cellule staminali simili a quelle che compongono gli embrioni ma partendo da tessuto di individui adulti, senza il dilemma morale legata all’utilizzo delle cellule embrionali. (Da Medicina, il Nobel a Edwards – Repubblica.it)

Ma tu guarda la coincidenza!

Mamme nonne, uteri in affitto, figli di coppie omosessuali, donne fecondate con il seme del compagno morto, donatrici di ovociti a pagamento: nei suoi 32 anni di storia la fecondazione artificiale ha portato, accanto a tanti successi, anche a situazioni estreme che ripetutamente continuano a sollevare perplessità etiche. I dubbi riguardano le applicazioni di una tecnica che dal 1978, anno di nascita della prima bambina in provetta, Louise Brown, ha fatto nascere nel mondo circa 4 milioni di bambini. Banca del seme. E’ trascorso appena un anno dalla nascita di Louise Brown quando negli Stati Uniti si inaugura la prima banca del seme che, di fatto, si basa sul presupposto che possa esistere la fecondazione eterologa, ossia con seme da donatore esterno alla coppia. Utero in affitto. Sempre negli Usa si registra nel 1984 il primo caso di utero in affitto e nasce il primo bambino da una donna che non è la madre genetica. In Italia il primo caso analogo è del 1994, quando una donna di 45 anni offre il proprio utero in prestito alla figlia di 23 anni, che non poteva avere bambini. Mamme nonne. Nel 1992 in Italia è una ex-ostetrica di 61 anni la prima ”mamma nonna” e fa parte del centinaio di donne che hanno già tentato di diventare madri in menopausa. Sempre in Italia, un anno più tardi una donna di 63 anni diventa mamma. Fecondazione in vitro da genitore morto. Risale al 1995 un caso di utero in affitto molto particolare: una bambina nasce in Italia due anni dopo la morte della mamma perché un ovulo della madre naturale, prelevato quando questa era in vita e fecondato con il seme del padre, era stato impiantato nell’utero della zia paterna. Nascono nello stesso periodo due gemelli nati dopo che la madre è stata fecondata con il seme del marito, morto di tumore. Intanto compaiono i primi annunci di donne che si offrono di donare i propri ovociti. 3mila embrioni distrutti in Gran Bretagna. Nella storia della fecondazione artificiale hanno fatto discutere anche i 3.000 embrioni congelati distrutti nel 1996 in Gran Bretagna allo scadere del periodo di 5 anni previsto dalla legge come termine massimo per la conservazione. 3500 embrioni congelati in Italia. Ancora oggi in Italia sono in attesa di un ”destino” di quasi 3415 embrioni in sovrannumero ottenuti dagli interventi di fecondazione assistita, congelati e che le coppie non intendono più utilizzare. (da I casi più discussi della fecondazione assistita – Blitz quotidiano)

E manca, nell’elenco il numero sconfinato di embrioni “persi” per ogni bambino nato: almeno 8! Mancano i bimbi prematuri (non solo delle gravidanze plurigemellari), mancano i bimbi con danni dovuti proprio alla tecnica, le mamme morte per complicanze dell’iperstimolazione ovarica, i gemelli “sacrificati” perchè troppo numerosi e uccisi dopo l’impianto con aborto selettivo, le tantissime donne deluse perchè la tecnica ha un successo bassissimo, le famiglie sfasciate per un “desiderio” che ha divorato l’amore… Dimenticavo l’eugenetica: dai “fratelli farmaco” agli embrioni scartati perchè malati per arrivare a quelli scartati perchè del sesso sbagliato o a quelli prodotti con gameti scelti da cataloghi in base a intelligenza (?) del “donatore”, colore di occhi e capelli e, ovviamente, della pelle. Poi ci sarebbe da ricordare lo sfruttamento delle donne dei paesi poveri che per soldi si fanno gonfiare di ormoni per vendere i loro ovuli a ricche donne di mezz’età che non hanno avuto tempo prima di fare un figlio e si trovano con le ovaie secche e “la voglia”. (Annarosa Rossetto, in una discussione su una rete sociale)

‘Un’assegnazione che disattende tutte le problematiche di ordine etico e che rimarca che l’uomo puo’ essere ridotto da soggetto ad oggetto”. Cosi’ il presidente dell’Associazione Scienza e Vita, Lucio Romano, ha commentato alla Radio Vaticana l’assegnazione oggi del Nobel per la medicina all’inglese Robert Edwards ”per lo sviluppo della fecondazione artificiale”. Il prof. Romano sottolinea anche l’inaccettabilita’ delle tecniche di fecondazione in vitro, che comportano la ”selezione e soppressione di esseri umani allo stato biologico di embrioni”. ”Teniamo conto – spiega – che Edwards segna la storia, perche’ pratica il passaggio delle tecniche dal mondo degli animali – vale a dire dove, nell’applicazione degli allevamenti, venivano gia’ da tempo messe in essere tecniche di fecondazione artificiale – all’ambito umano. Ma questo non significa assolutamente che cio’, nel suo complesso, rappresenti un progresso dell’uomo nella sua visione globale. E’ un Premio Nobel che deve essere assolutamente preso in considerazione in ragione di un’analisi anche di ordine etico, che a me sembra, attraverso un’assegnazione cosi’ decisa del premiostesso, venga a disattendere tutte le problematiche di ordine etico ad esse connesse”. Romano contesta al neo-Premio Nobel di aver creato, con la sua innovazione, ”un uomo che diventa non piu’ un essere umano frutto di una procreazione, ma viene edificato come ‘prodotto del concepimento’: e sappiamo benissimo come questo tipo di termine, ‘prodotto del concepimento’, ufficializzi – cosi’ come viene usato nella prevalenza dei casi, in ambito ginecologico, in ambito biomedico – quella del riduzionismo antropologico di nuovo da soggetto a oggetto”. ”Quando si considera la vita di un essere umano non piu’ come vita appartenente ad un soggetto, ma come vita della quale si puo’ disporre – conclude il presidente di Scienza e Vita -, e’ evidente che si aprono tutti gli altri campi che non riconoscono la dignita’ della vita, della quale invece si puo’ disporre in qualsiasi momento”. (da Nobel: Scienza e Vita, vittoria Edwards tradisce problemi etici)

”Suscita profondo dolore l’assegnazione del Premio Nobel per la scienza al professor Edwards perche’ non tiene conto delle centinaia di milioni di esseri umani allo stato embrionale – figli – di cui proprio la fecondazione in vitro ha causato deliberatamente la morte in tutto il mondo” questo il commento di Carlo Casini, presidente del Movimento per la vita, all’assegnazione del premio Nobel per la medicina a Robert Edwards. ”Il ricordo dei bambini nati con questa tecnica e il riconoscimento di valore del desiderio di maternita’ – aggiunge – non possono nascondere la selezione dei figli, il loro deposito i frigoriferi a 196 gradi sotto zero in attesa della morte, la loro sottoposizione a sperimentazioni di ogni tipo, il tradimento della razionalita’ avvenuto quando, per nascondere il terribile segno di morte che grava su questa metodica, si e’ inventato il concetto di pre-embrione, per negare la dignita’ umana con una espressione verbale al concepito nei primi 14 giorni di vita”. (da Movimento per la Vita, profondo dolore per premio a Edwards)

Aggiornamento (5 ott. 2010): chi volesse approfondire il tema della fecondazione assistita nei suoi vari aspetti può trovare qui una rassegna di articoli. Grazie ad A.R. per la segnalazione.

Aggiornamento (11 ott. 2010): vi consiglio anche Generare o fabbricare? (un’intervista di Alessandra Stoppa al ginecologo Leandro Aletti).

Il perdono è un cammino

“Avevo sempre vissuto in un ambiente religioso, nella mia famiglia siamo venuti su a latte e religione – ha detto la vedova del Commissario Calabresi -. Ma la fede l’ho ricevuta come un dono quando hanno ucciso Gigi. Ricordo benissimo quel momento: ero lì sul divano, subito dopo che mi avevano detto che mio marito era stato ucciso e mi sono sentita avvolgere da un caldo abbraccio, da un grande calore. Vedevo la gente che si agitava intorno a me e io sentivo invece una grande pace. In quel momento ho ricevuto la fede come un dono. E ho ringraziato di essere la moglie dell’ucciso e non la moglie dell’assassino”.

Leggi il resto del bellissimo post di Ghinetto.
Bookmark and Share

Catherine è a casa!

Venerdì sera la piccola Catherine Therese Hahn ha finalmente lasciato l’ospedale e qui la vedete appena arrivata a casa, circondata dai fratelli. I problemi dell’apparato digerente non sono completamente risolti, ma il peggio è passato. A nome di Jim e Nicole, grazie di cuore a tutti voi che avete pregato per lei!

Add to Technorati Favorites

Bookmark and Share

La vice di McCain

La par condicio (non so se negli USA esista) esige che, dopo aver fatto un po’ di pubblicità a Obama nel post precedente, io spezzi una lancia anche per McCain. E lo faccio copiando integralmente il post di Francesco Caggioni, nel blog “Alza lo sguardo”, che riporta bellissime parole di Sarah Palin, la governatrice dell’Alaska che McCain ha scelto come sua vicepresidente in caso di vittoria, a proposito del suo quintogenito:

var iamInit = function() {try{initIamServingHandler(234,380,458160,”http://cdn.pis.picapp.com/IamProd/Resources/Css/css2.css”)}catch(ex){}}()

Trig is beautiful and already adored by us. We knew through early testing he would face special challenges, and we feel privileged that God would entrust us with this gift and allow us unspeakable joy as he entered our lives. We have faith that every baby is created for good purpose and has potential to make this world a better place. We are truly blessed.

Trig e’ bellissimo e tutti lo amiamo gia’. Sapevamo grazie ai test prenatali che sarebbe stato speciale, e ci sentiamo privilegiati che Dio ci abbia affidato questo dono che ci da una gioia incredibile entrando nella nostra vita. Abbiamo fede che ogni bambino e’ creato per un bene e ha il potenziale di rendere il mondo un posto migliore.

E’ cosi’ che Sarah Palin, gia’ madre di 4 figli, e governatrice dell’Alaska ha raccontato della nascita del loro quinto figlio nel maggio 2008, nato con la sindrome di Down.

Sarah ha anche detto:

Many people will express sympathy, but you don’t want or need that, because Trig will be a joy…Children are the most precious and promising ingredient in this mixed-up world…Trig is no different, except he has one extra chromosome.

Molte persone esprimono comprensione o simpatia, ma non voglio o non mi serve questo perche’ Trig e’ una gioia … i bambini sono la cosa piu’ preziosa e l’ingrediente piu’ promettente di questo mondo incasinato … Trig non e’ niente di diverso … ha solo un cromosoma in piu’.

John McCain ha scelto oggi Sarah Palin come compagna per la corsa alla casa bianca.

 
Add to Technorati Favorites

Bookmark and Share

Quando la fede è in minoranza

Ho trovato in un post di Clairity nel blog Cahiers Péguy queste osservazioni sulla fede vissuta in un contesto di minoranza culturale, quale è quella dei cattolici statunitensi. Sono tratte da un’intervista di John Allen al nunzio apostolico negli Stati Uniti, Pietro Sambi, alla vigilia della visita del Papa. Penso che siano pienamente applicabili anche alla realtà italiana.

Come analizzerebbe la situazione che la Chiesa cattolica deve affrontare negli Stati Uniti?

Quando sei in minoranza, come lo sono i Cattolici in questa cultura, hai bisogno di tre principi forti.

Il primo è un’identità chiara, un senso chiaro di ciò che sei e di ciò che vuoi essere. Come minoranza, se non hai un’identità chiara, sarai come una goccia di vino nell’acqua… scompari.

Il secondo è un forte senso di appartenenza. Lo definirei così: hai bisogno di una comunità, e la comunità ha bisogno di te. Chiunque cammina da solo, prima o poi si perde nel deserto.

Terzo, quando sei in minoranza, hai bisogno di un impegno profondo di eccellenza. Devi eccellere nelle qualità umane, nelle qualità familiari, nelle qualità professionali, nelle qualità della vita cristiana, per essere luce per gli altri. Se non hai un senso di eccellenza, sarai sommerso dalla maggioranza.

Foto dei tulipani: OBMonkey, sxc.hu
Foto di mons. Pietro Sambi: da qui

Add to Technorati Favorites

Bookmark and Share