Il Circo della Farfalla

Solo in un clima di autentica accoglienza, ed amicizia gratuita, le persone possono fiorire: scoprono cos’hanno da dare, e lo danno in pienezza.

Concedetevi una ventina di minuti di pace, e godetevi questo cortometraggio, denso di poesia e di profonda verità sull’uomo.

E in più, è ben allestito, ben recitato, con belle musiche… il che certo non guasta!
Il cortometraggio è diretto ed interpretato da Eduardo Verastegui. Vi recita anche  Nick Vujicic.

Dedico il video in modo speciale ai miei studenti: alcuni di loro sono bruchi, altri già bozzoli… Buon dispiegamento di ali, ragazzi. 😉

Sette minuti e un secondo di brividi

Bruce Springsteen con la Seeger Sessions Band: “Oh Mary Don’t You Weep“, dal vivo al Point Theatre di Dublino, Irlanda, novembre 2006.

Well if I could I surely would / Stand on the rock where Moses stood
Pharaoh’s army got drownded / O Mary don’t you weep
O Mary, don’t you weep, don’t mourn / O Mary, don’t you weep, don’t mourn
Pharaoh’s army get drownded / O Mary, don’t you weep
Well Mary wore 3 links of chain / on every link was a Jesus’ name
Pharaoh’s army got drownded / O Mary don’t you weep
O Mary, don’t you weep, don’t mourn / O Mary, don’t you weep, don’t mourn
Pharaoh’s army get drownded / Oh, Mary, don’t you weep
Well one of these nights bout 12 o’clock / this old world is gonna rock
Pharaoh’s army got drownded / O Mary don’t you weep
Well Moses stood on the Red Sea shore / And smote the water with a two by four
Pharaoh’s army got drownded / O Mary don’t you weep
O Mary, don’t you weep, don’t you mourn / O Mary, don’t you weep, don’t you mourn
Pharaoh’s army got drownded / O Mary, don’t you weep
Well, old Mr. Satan he got mad / Missed that soul that he thought he had
Pharaoh’s army get drownded / O Mary, don’t you weep
Brothers and sisters don’t you cry / they’ll be good times by and by
Pharaoh’s army got drownded / O Mary don’t you weep
O Mary, don’t you weep, don’t mourn / O Mary, don’t you weep, don’t mourn
Pharaoh’s army get drownded / O Mary, don’t you weep

Reblog this post [with Zemanta]

La gioia dove non te l’aspetti

L

Cos’hanno da insegnarci?…

Beh, per esempio dagli statunitensi dovremmo imparare… l’autoironia!

Un altro film che avrei voluto fare io…

«È una storia curiosa: più invecchiamo e più perdiamo quel senso di fiducia divina che è patrimonio della gioventù, e gli attimi in cui crediamo di aver preso la decisione giusta sono sempre più rari… Oggi sono raramente soddisfatto di me stesso e quasi mai ho l’impressione che il mio operato abbia successo: porto il peso del raccolto del rimpianto. Ma c’è un altro peso, ancor più gravoso, che mi era sconosciuto in gioventù: il peso di non avere una patria».

Sono queste le parole di Sergej Rachmaninov con le quali si alza il sipario sull’affascinante film-documentario che Tony Palmer ha dedicato al maestro russo, emblematicamente intitolato The Harvest of Sorrow, “Il raccolto del rimpianto”.

Leggi il resto dell’articolo qui: Il Sussidiario.net :: RACHMANINOV/ Il raccolto del rimpianto.

Qui sotto, invece, il video dell’inizio del concerto n.3 per piano e orchestra (il famigerato “Rach3” del film Shine): al piano è Martha Argerich, in una registrazione dell’82.

Reblog this post [with Zemanta]