Il Circo della Farfalla

Solo in un clima di autentica accoglienza, ed amicizia gratuita, le persone possono fiorire: scoprono cos’hanno da dare, e lo danno in pienezza.

Concedetevi una ventina di minuti di pace, e godetevi questo cortometraggio, denso di poesia e di profonda verità sull’uomo.

E in più, è ben allestito, ben recitato, con belle musiche… il che certo non guasta!
Il cortometraggio è diretto ed interpretato da Eduardo Verastegui. Vi recita anche  Nick Vujicic.

Dedico il video in modo speciale ai miei studenti: alcuni di loro sono bruchi, altri già bozzoli… Buon dispiegamento di ali, ragazzi. 😉

La libertà dentro

La libertà è una cosa molto interiore. Dall’esterno ti possono anche bombardare ma è all’interno che puoi aprire la famosa porta. Non ricordo quale autore diceva che, se non apri tu dall’interno la porta, nessuno può farlo dall’esterno. Più passano gli anni, più profondo deve essere il modo di esercitare questa libertà. Continua a leggere

Noi e san Giuseppe: tutta la vita c’entra con Gesù

Il Sussidiario.net :: PADRE LEPORI/ Tutta la vita c’entra con Gesù – (…) Quando Giuseppe ha appreso che doveva accogliere il Figlio di Dio nella sua vita, nella sua famiglia e nella sua casa, probabilmente si è detto: «Come dovrò comportarmi davanti a Lui? Dovrò adorarlo ventiquattr’ore su ventiquattro, rimanere prosternato davanti a Lui, dovrò evitare di toccarlo, e togliermi i sandali ogni volta che mi avvicinerò a Lui?!».

Poi il Bambino nasce, e Giuseppe si deve rendere conto che l’Incarnazione di Dio non è una messa in scena. Il Figlio di Dio è un bambino veramente bambino, un uomo veramente uomo. Si ha un bel voler restare in adorazione davanti a Lui ventiquattrore su ventiquattro, ma Lui piange perché ha fame, perché ha freddo. Bisogna cercare della legna, accendere un fuoco; in seguito bisognerà guadagnare per Lui il pane quotidiano, poi si dovrà fuggire in Egitto, il che significa preparare i bagagli, bardare l’asino, mettersi in cammino, affrontare pericoli, imprevisti…

Giuseppe si rende conto così che tutta la sua vita, veramente tutta, compresa la cura dell’asino, viene a partecipare della sua relazione con Gesù. Continua a leggere

Come capire se uno è dell’Opus Dei?

Escrivá surrounded by working people, in a Fil... Allora, ci sono questi affarini (widgets, in bloggherese stretto) che ti dicono quali ricerche di Google hanno fatto piovere sul tuo blog i più inopinati lettori. Il motivo per cui tutti i blogger che conosco ne vanno pazzi, di ‘sti affarini, è che a volte gli spunti sono proprio bizzarri e sorprendenti. E tante altre volte ti fanno venire ideuzze interessanti.

Ad esempio, stasera. Il mio affarino – in fondo alla pagina, a destra – recita che qualcuno è capitato qui perchè aveva digitato nella casellina di Google “come capire chi fa parte dell’Opus Dei”.

Uno spunto da leccarsi i baffi! Intanto quindi ringrazio l’ignoto visitor, che oltretutto se ne sarà andato subito un po’ deluso, poverino: perchè questo blog effettivamente finora non ha aiutato a capire …come si fa. Continua a leggere